Float: Su Disney+ il corto per la giornata mondiale dell’autismo

Per la Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’Autismo arriva Float su Disney+. Il corto Pixar è parte del progetto SparkShorts con protagonista un bambino affetto da autismo

Giovedì 2 aprile ricorre la Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’Autismo. Disney+, il servizio di streaming dedicato ai film e ai prodotti di intrattenimento di Disney, Pixar, Marvel, Star Wars, National Geographic, sbarcato lo scorso 24 marzo nel nostro Paese, offre un contenuto speciale proprio per avvicinare adulti e bambini alla tematica dell’autismo: Float.

Di seguito il trailer di Float

Che cosa parla Float?

Un padre scopre che suo figlio è diverso dagli altri bambini in un modo davvero singolare. Per sfuggire al giudizio altrui, il padre cerca di tenere il bambino lontano da sguardi indiscreti, ma quando le capacità di suo figlio diventano pubbliche, deve decidere se continuare a nasconderle o accettare suo figlio così com’è.

Il corto è scritto e diretto da Bobby Rubio e prodotto da Krissy Cababa. Float è un cortometraggio che fa parte del progetto SparkShorts di Pixar, voluto dallo studio di animazione, per trovare storie uniche e nuovi talenti e per trattare tematiche importanti.

Float Disney+
Float Disney+

La storia di Float nasce dall’esperienza personale di Bobby Rubio e racconta di un padre e di un figlio, del loro amore e del percorso che porta all’accettazione reciproca. In modo particolare la diversità è rappresentata in modo immediato ma positivo, con il bambino che vola mentre gli altri camminano.

E voi che cosa ne pensate di questo corto? Lo vedrete?

Potete darci la vostra opinione se vi va, scrivendo un commento qui sotto.

Per rimanere sempre aggiornati su tutte le novità di Disney+ continuate a seguirci su Bingy News e se volete, potete passare dalla nostra pagina Facebook e dal nostro profilo Instagram e seguire il gruppo facebook dedicato alla piattaforma streaming Disney + Italia

Manuela Cristiano

Manuela Cristiano

Read Previous

The Last Dance: La docu-serie con Michael Jordan e i Chicago Bulls arriva su Netflix

Read Next

Chicago Med 5×18 – Recensione: Will Halstead e il classico déja vu

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *