L’Arte della Guerra: Stasera alle 21:25 su Rai Tre il documentario che racconta quest’ultimo anno

Stasera alle 21:25 su Rai Tre andrà in onda L’Arte della Guerra, il documentario che racconta quest’ultimo anno di guerra in Ucraina

A un anno dall’invasione russa in Ucraina, domani 24 febbraio, Rai Documentari propone in prima serata su Rai Tre “L’arte della guerra” di Tiziana Lupi e Marco Spagnoli, con un’anteprima della giornalista Lucia Annunziata.

Sinossi de L’Arte della Guerra

Il documentario prodotto da ART FILM KAIROS in collaborazione con Rai Documentari e girato tra Italia e Ucraina, ha seguito il lavoro di chi, all’indomani dello scoppio della guerra, si è subito adoperato, a rischio anche della propria vita, per la messa in sicurezza delle opere d’arte e ha provato a capire perché, in caso di guerra, distruggere e depredare le opere d’arte sia uno dei primi obiettivi degli eserciti invasori nel tentativo di eliminare la cultura di una nazione per annullarne la memoria e annichilirne l’essenza.

Di fronte all’orrore della distruzione, L’Arte della Guerra offre uno sguardo anche al profondo rapporto artistico tra l’Italia e l’Ucraina e il resto d’Europa.

Non solo: tornando indietro agli anni della Seconda guerra mondiale, il documentario racconta come anche gli italiani abbiano dovuto difendere il proprio sconfinato patrimonio artistico e come abbiano imparato a farlo, conquistando una vera e propria leadership nel settore che oggi stanno mettendo al servizio del popolo ucraino.

L’Arte della Guerra: Stasera alle 21:25 su Rai Tre  il documentario che racconta quest'ultimo anno
L’Arte della Guerra: Stasera alle 21:25 su Rai Tre il documentario che racconta quest’ultimo anno

Fabrizio Zappi, Direttore di Rai Documentari ha dichiarato:

In un mondo e in un tempo in cui la guerra è entrata drammaticamente nelle nostre vite con il conflitto in Ucraina, raccontare chi si adopera per mettere in sicurezza le opere d’arte minacciate dalla guerra è un’importante testimonianza che la Rai offre al pubblico televisivo italiano per far sapere che accanto alle immagini di distruzione e di sofferenza che invadono ogni giorno le nostre case esiste un incessante e coraggioso lavoro per salvare le opere d’arte, custodi della memoria storica di un popolo e di una nazione” ha dichiarato. Un messaggio che ritengo incoraggiante e doveroso perché, oltre al suo valore informativo, alimenta la speranza che la bellezza torni a splendere nei musei e nelle piazze delle città ucraine”.

L’attrice italo-ucraina Anna Safroncik raccoglie le testimonianze

Sono molte le testimonianze italiane raccolte ne L’Arte della Guerra. Come quella di Edith Gabrielli, direttrice del Vittoriano di Roma e di Palazzo Venezia o quella di Christian Greco, direttore del Museo Egizio di Torino e Micol Forti, direttrice della Collezione d’Arte Contemporanea dei Musei Vaticani. E ancora Paolo Coen, storico dell’arte e docente alla Facoltà di Scienze della Comunicazione, Università di Teramo, Chiara Tomaini, restauratrice che insieme ad alcuni colleghi ucraini ospiti al Museo Egizio, sta lavorando per salvare la storia e la memoria del Paese tramite Chief Onlus e Teresa Calvano, storica dell’arte.

Mentre in Ucraina, sono state raccolte le testimonianze tra gli altri, di Nadiya Biriyk, direttrice del museo di Ivankiv, e di Volodymyr Sheiko, Direttore Generale dell’Ukrainian Institute.

L’Arte della Guerra: Stasera alle 21:25 su Rai Tre  il documentario che racconta quest'ultimo anno
L’Arte della Guerra: Stasera alle 21:25 su Rai Tre il documentario che racconta quest’ultimo anno

Creando un ponte tra Ucraina ed Italia, “L’Arte della Guerra” lancia un preciso messaggio: salvare l’arte equivale a salvare la storia, la memoria e l’identità di un Paese.

Le opere d’arte non sono solo oggetti carichi di bellezza fine a sé stessa ma simboleggiano l’eredità da preservare e affidare alle nuove generazioni, affinché possa essere promossa la pace e si possa educare al bello, perseguendo la volontà di salvaguardare il patrimonio inestimabile di cui siamo custodi.

Le parole di Francesco Pamphili, produttore per Art Film Kairos

“Quando Marco Spagnoli e Tiziana Lupi mi hanno presentato l’idea del documentario L’Arte della Guerra, mi sono da subito appassionato al discorso che ruota intorno all’Arte e alla sua salvaguardia in tempi di crisi e di guerra.” ha dichiarato. L’Arte aiuta l’uomo a muoversi in tutti i territori possibili: visionari, rivoluzionari e politici, e il suo compito è di risvegliare le coscienze e farci godere del bene.

L’Arte possiede la libertà di cui si ha necessità per rinnovarsi e progredire. In questo momento storico, parlare a voce alta di ciò che sta dilaniando l’Europa dell’Est ed intervenire, seppur con piccoli gesti, mi sembra il modo migliore per fare la nostra parte.

Salvare le opere d’arte durante la Guerra è un’azione che entra nell’intimo dell’animo umano e scombina i piani geopolitici: l’arte vince sulla guerra, perché rappresenta la resistenza del suo popolo, il tentativo di proteggere la propria storia, il proprio essere, ed è speranza per quello che dovrà essere ricostruito, dopo che il conflitto sarà terminato.

Entrare in contatto e avere la possibilità di confrontarci e aiutare coloro che corrono il rischio di salvare le opere, che altrimenti andrebbero sistematicamente distrutte” e/o derubate, mi ha aiutato a comprendere come ancora una volta realizzare delle immagini sia un atto politico. Ho deciso di produrre L’Arte della Guerra per marcare la linea di confine tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, tra ciò che è ammesso e tra ciò che dovrebbe essere umanamente vietato.

Penso che portare alla luce, dai resti e dalle macerie, il coraggio di uomini e donne che lottano per preservare la loro identità storica ed artistica, sia un atto rivoluzionario”.

Per rimanere sempre aggiornati su tutte le notizie di serie tv, cinema e gossip continuate a seguirci su Bingy News. Passate anche sulla nostra pagina Facebook, sui nostri profili Instagram e Tik Tok e sulla nostra pagina Twitter.

Manuela Cristiano

Read Previous

The English: La nuova serie con Emily Blunt dall’ 8 marzo su Paramount+

Read Next

Mare Fuori 3: Esce oggi ‘Origami all’alba’, nuovo singolo di Clara

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *