Only Murders In The Building 2: Il teaser trailer uffciale

Il co-creatore della serie Only Murders in the Building John Hoffman parla del finale della prima stagione lanciando alcuni indizi della seconda

Only Murders in the Building: John Hoffman parla del finale e dei piani futuri per la serie
Only Murders in the Building: John Hoffman parla del finale e dei piani futuri per la serie

Nel finale di Only Murders in the Building, il mistero di chi ha ucciso Tim Kono è finalmente risolto quando Oliver (Martin Short) e Mabel (Selena Gomez) collegano lo strumento apparentemente salace alla fidanzata fagottista del loro partner di podcast. Quando Charles (Steve Martin) confronta Jan (Amy Ryan) con questa prova, ne conseguono dirottamenti che lo portano a rotolare attraverso il loro edificio paralizzato, e alla fine il trio abbatte la musicista assassina con un pugno da KO. Sfortunatamente, la loro celebrazione non è potuta durare a lungo, con gli ultimi momenti dell’episodio che hanno rivelato che il cadavere del flash forward nella premiere era il loro manager dell’edificio Bunny, e la colpa è già stata attribuita a loro.

Only Murders in the Building: John Hoffman parla del finale e dei piani futuri per la serie
Only Murders in the Building: John Hoffman parla del finale e dei piani futuri per la serie

Dato il modo in cui le prove che avrebbero risolto il caso sono state introdotte all’inizio, lo showrunner John Hoffman si gode il fatto che i fan abbiano già iniziato a riguardare l’intera stagione per esaminare ogni dettaglio

“Ci sono molti indizi in ogni episodio”

In una intervista uscita su EW il co creatore di Only Murders in the Building John Hoffman ha svelato alcuni retroscena come ad esempio che i membri del cast principale hanno scoperto intorno al settimo episodio che Jan fosse l’assassina, mentre per quanto riguarda l’attrice che interpreta questo particolare personaggio (Jan) Amy Ryan, conosceva benissimo tutti i lati del suo personaggio,

Quando a Hoffman è stato chiesto quale fosse stata la parte più impegnativa del finale da scrivere o filmare il co creatore della serie ha così risposto:

Non è pazzesco? Il finale è stato così divertente da fare perché stavamo aspettando di scriverlo, e sapevamo che volevamo farlo in grande stile, doveva essere soddisfacente da ogni punto di vista. Speriamo di averlo fatto. Ma doveva coprire tutti i toni della serie Only Murders in the Building. Quindi abbiamo deciso che la narrazione spettasse a Tim Kono. Poi la narrazione è passata a Charles in quanto c’è una connessione parallela tra Charles e l’esperienza di Tim Kono attraverso Jan, giusto?

Quindi questa era un punto, poi abbiamo pensato di suddividerlo in sezioni. Sapevamo che ci sarebbe stato un vero gioco del gatto col topo tra Jan e Charles che era proprio al limite della vera peculiarità del crimine nel modo in cui andavano avanti e indietro, in tutta quella scena. Una volta che lei lascia quella stanza nel suo appartamento e lo lascia sul pavimento, c’è questa lunga pausa. Poi i suoi occhi si aprono di scatto, e quasi ci spinge in questa più ampia sezione di commedia fisica.

Only Murders in the Building: John Hoffman parla del finale e dei piani futuri per la serie
Only Murders In The Building — “The Boy From 6B” – Episode 107 (Photo by: Craig Blankenhorn/Hulu)

A proposito del lavoro straordinario fatto da Steve Martin nell’ultimo episodio, in particolare la scena dell’ascensore, John Hoffman ha rivelato che Martin aveva 75 anni (ora ne ha 76) quando ha girato quella scena.

Non solo, Martin aveva tutte le idee per il movimento fisico in ascensore e voleva girarlo ad ogni costo

Nel nel flash forward di apertura abbiamo visto Mabel chinata u un corpo senza vita. Tutto il pubblico ha sempre pensato che si trattasse di Oscar, invece, nel finale scopriamo che la scelta è caduta su Bunny.

Proprio a questo proposito Hoffman ha affermato che la scelta di depistare lo spettatore è una cosa che ovviamente sciocca il pubblico. Da una parte è rattristato perchè Jane Houdyshell (Bunny) è un’attrice così brillante, però, è risaputo che in Only Murders in the Building chi muore non sparisce dalla serie, anzi.

Adesso però il famigerato trio investigativo si trova ad essere il primo sospettato in un nuovo omicidio, e un nuovo podcast in agguato, fatto dal proprio mentore Cinda Canning (Tina Fey).

Only Murders in the Building: John Hoffman parla del finale e dei piani futuri per la serie
Only Murders In The Building — “Who Is Tim Kono?” – Episode 102 (Photo by: Craig Blankenhorn/Hulu)

Ora passiamo alle anticipazioni:

Da dove riprenderà Only Murders in the Building 2?

Vediamo, la seconda stagione, sono davvero contento della direzione in cui sta andando. Andremo in una direzione più grande ed è davvero divertente scriverlo, specialmente per queste tre persone. Abbiamo lavorato così duramente e siamo così grati per il coinvolgimento dell’edificio vero e proprio tra l’86° e Broadway, The Bellnord, che è così bello ed è un vero personaggio in Only Murders in the Building. E quindi, per la nostra seconda stagione, deve rimanere quadrato e centrato su questo. Ma abbiamo già parlato di un potenziale futuro e non sarà sempre potenzialmente all’interno di quelle mura.

Ci sono molte domande sul perché Bunny fosse nell’appartamento di Mabel alla fine della stagione 1… e c’era qualcun altro lì con lei? Questa è l’unica domanda che gli spettatori dovrebbero porsi.

Chi poteva immaginare che i ferri da maglia fossero così letali?

Per rimanere sempre aggiornati su tutte le novità catalogo Netflix continuate a seguirci su Bingy News e se volete, potete passare dalla nostra pagina Facebook e dal nostro profilo Instagram

Non dimenticatevi di passare dalle pagine Facebook Serietvinside  Disney Castle ⁰o⁰ e seguire i gruppi dedicati Disney + Italia e Utenti Disney+ Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *